Premio Città dei Sassi 2016: l’ottava edizione tra stile, eleganza ed internazionalità

I Sassi di Matera, terra narrata, sospirata, sognata, luogo capace di offrire tanti stimoli, cornice perfetta per accogliere, per l’ottavo anno consecutivo, uno dei più importanti concorsi di alta moda volti a individuare, valorizzare e premiare creativi, designer, stilisti emergenti e professionisti del settore, il premio moda “Città dei Sassi 2016“.
La manifestazione, organizzata dalla Publimusic.com di Sabrina Gallitto e Officina della Cultura, giunta alla sua 8° edizione, ha raccolto una giuria internazionale di addetti ai lavori, tra giornalisti, stilisti, consulenti d’immagine, associazioni di categoria ed istituzioni. Michele Miglionico, Gai Mattiolo, Addy van den Krommenacker e Paolo Fumarolo in qualità di stilisti, Cinzia Malvini (direttrice de La7 e Book Moda), Paola Cacianti (Rai1), Gianluca Lo Vetro (La Stampa) e molti altri, i giornalisti, che hanno decretato i vincitori della serata, tra gli otto concorrenti in gara: Rihad Boudaya, Simone Bartolotta & Salvatore Martorana (Esse Artistic Designers), Maria Renata Ippolito, Rossella Isoldi, Vincenza Lacava, Dalila Palumbo, Gaetano Ruisi e Andonella Verriello. A loro il compito di proporre un’interpretazione personale del tema “KaftaNatural”.
Ad aggiudicarsi quest’anno il Premio Moda “Città dei Sassi”, la coppia Bartolotta&Martorana, a cui è stata consegnato anche il “Premio Moda al Cinema”, ospiti il 3 novembre 2016 a “Magazzini Aperti”, nella città di Mantova, della Regione Lombardia con la collaborazione di Milano Unica e Piattaforma Sistema Formativo Moda.
A Dalila Palumbo, invece, il premio speciale “Book Magazine”, consegnato dal direttore della testata Cinzia Malvini con la motivazione: “Poeticità, e passione animano la sua collezione. Una collezione che si nutre al ricordo di storie fiabesche con un sofisticato connubio tra sperimentazione e tradizione sartoriale. Capi dal grande potenziale creativo che denotano una forte identità. Molte apprezzate le decorazioni sui tessuti”. La serata, inoltre, ha visto l’assegnazione anche di altri premi:
al giornalista Attilio Romita il “Premio alla Carriera”, allo scrittore, giornalista e docente universitario Gianluca Lo Vetro il “Premio Speciale Giornalismo”, al Presidente Onorario Camera Italiana Buyer Moda Beppe Angiolini il “Premio Excellent”. E ancora, “Premio Speciale alla Presidenza della Giunta Regionale della Basilicata – Ufficio Sistemi Culturali e Turistici” alla dottoressa Patrizia Minardi, ed infine, “Premio Moda e Cultura” alla dottoressa Rosalba Demetrio. Il tutto incorniciato dalla conduzione di Veronica Maya e da un sottofondo musicale creato ad hoc dall’Orchestra Città dei Sassi, composta da 28 elementi e diretta dal direttore d’orchestra Giuseppe Salatino che ha dato il via alla serata con il brano “I wanna be loved by you”, brano interpretato da Marilyn Monroe nel film di Billy Wilder “A qualcuno piace caldo”. Con tanto di proiettazione di un video a lei dedicato, a cui è seguita l’entrata in passerella di una creazione ad opera dello stilista Paolo Fumarolo in suo omaggio.
“Matera offre tanti stimoli e il rapporto tra la città, la cultura e il paesaggio e il cinema vanta tanti esempi che hanno portato qui grandi registi e produzioni, da Pasolini a Gibson. Il cinema è il nostro petrolio”, spiega Gianluca Lo Vetro, che nella chiesetta sconsacrata Malvine Malvezzi, all’interno di Palazzo Gattini Luxury Hotel, ha presentato il libro “Fellini e la moda, percorsi di stile da Casanova a Lady Gaga”, edito da Bruno Mondadori. “Per il libro che mi piacerebbe realizzare ci aggiungerei anche del food, che era una delle passioni di Federico Fellini”, conclude Lo Vetro, che non nasconde di voler dar vita, in un futuro, ad un progetto attualmente nel cassetto, un libro che vorrebbe chiamare “Cinemateramoda”. Un titolo per raccontare il rapporto con il cinema di Matera, “Capitale Europea della Cultura 2019”, e i suoi tanti spunti felliniani.